martedì 20 aprile 2010

Pasticcini…di mare


Mi piace l’idea di tanti bocconcini che, come pasticcini mignon, trastullino il gusto, accompagnati da una flute di spumante o di Champagne. Sapori di mare, che riprendono la forma dei maki, ma solo in parte gli ingredienti. In luogo dell’alga nori, un anello di pasta contiene la preparazione, che, essendo un cereale, sostituisce il riso; la farcitura è costituita da tartare di salmone. I pasticci vanno completati con la ciliegina, ossia una guarnizione, che può essere la più disparata: scampetti, uova di salmone, caviale, bottarga, ricci di mare, calamaretti, seppia, tartufi di mare, uova di mare…. Si possono preparare più tartare (salmone, ricciola, orata) così da differenziare i vari bocconcini, oppure una mista. Io condisco la tartare utilizzando un po’ di vasabi che sostituisce la senape della tartare di carne, al posto dei capperi utilizzo lo zenzero e sostituisco il sale con salsa di soia chiara. La portata rappresenta un antipasto a condizione che non siano serviti primi piatti di pasta o di riso, oppure costituisce un primo piatto fresco. I pasticcini si possono inoltre servire con plateau di frutti di mare e sashimi, oltre che sushi, ovviamente.

15 commenti:

  1. gioiosi veramente questi pasticcini di mare.. daaai, sembra che parlino, o a breve si lancino in una specie di danza dei puffi.

    RispondiElimina
  2. Complimenti,ma lei è uno chef,è stata una vera sorpresa scoprire questo blog.Un saluto.

    RispondiElimina
  3. Capperi Fabiano è da svenimentoooooooo!!!!!!!!
    Che idea fantastica!!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao Fabiano, trovo che i tuoi pasticcini di mare siano davvero originali e pieni di sapore, ricchi di quella creatività che in cucina fa la vera differenza. Ti vorrei anche ringraziare per il tuo commento al mio articolo su BdC, per me è davvero stimolante che una voce competente come la tua mi esprima il suo apprezamento. Adoro scrivere e cucinare (entrambi un pò passione e un pò mestiere!), fare l'una e l'altra di queste cose "nutre" letteralmente il mio essere più profondo... insomma, grazie! A presto. Deborah

    RispondiElimina
  5. complimenti sono eccezionali e irresistibili!a presto! Federica

    RispondiElimina
  6. sono davvero belli... e penso anche buoni.. del resto la cucina è un gioco e questa tua creazione lo esprime al meglio ;)))

    RispondiElimina
  7. Ciao Fabiano grazie essere venuto a trovarmi, da oggi ti seguirò anch'io!
    Colorati, divertenti e buoni questi pasticcini di mare, è un'idea invitante!! ;-)
    a presto
    Pippi

    RispondiElimina
  8. Accidenti!!!! L'autore del libro che ho qui, proprio qui, infianco al mio Mac, "Cucina e Sienza", che sto consultando per scrivere una tesina, sì è iscritto al mio blog!!!!
    Sono onorata di averti tra i miei sostenitori, insomma leggere un libro è una cosa, ma comunicare con l'autore è un'altra. Grazie e grazie soprattutto di condividere tanta conoscenza ed esperienza.

    Come vedo anche i tuoi piatti raccontano di te, niente a caso.

    Ciao Alessandra.

    RispondiElimina
  9. Questa sì che è una bellissima idea, non ci avevamo mai pensato, ma ti confessiamo che adoriamo questi piccoli antipasti! La tua creatività non conosce limiti e noi ammiriamo e al tempo stesso sperimentiamo!
    Buona settimana da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  10. Ciao, piacere di conoscerti :-)
    e grazie per la tua adesione :-D
    molto molto ben azzeccata l'idea dell'anello di pasta al posto dell'alga che non amo molto.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  11. Bella idea... stuzzicante e scenografica.

    tata

    RispondiElimina
  12. BUON COMPLEANNO ITALIA! Proprio in occasione dei festeggiamenti dell'Unità d'Italia, Ballarini e il blog Farina, lievito e fantasia hanno indetto un fantastico contest "150 anni in tavola". Si potrà partecipare con ricette tipiche delle proprio regioni e in palio ci sono dei bellissimi prodotti della linea Titanio della Ballarini.
    Corri a leggere il regolamento. Ti aspettiamo! http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/03/contest-150-anni-in-tavola.html

    RispondiElimina