lunedì 3 settembre 2012

Pasta con acciughe al burro, gamberi cotti e crudi

Ci sono sostanzialmente due modi per preparare la pasta con le acciughe sotto sale o sott’olio, ossia con l’aglio e l’olio o con la cipolla e il burro. Questo secondo modo mi attira più spesso perché mi piace che la dolcezza del burro e della cipolla stemperino il gusto saporito dell’acciuga. Pertanto ho fatto appassire una cipolla rossa affettata non troppo fine nel burro e l’ho lasciata cuocere molto lentamente bagnandola anche con poco vino bianco, poi quando era tenerissima ho unito alcuni filetti di acciuga tritati e, prima fuori dalla fiamma, poi a fiamma bassissima li ho stemperati; non devono cioè spezzettarsi sia pur finemente, ma ridursi in crema, e per farlo occorre lavorare l’acciuga fuori dalla fiamma e a fiamma bassissima. Ho fatto saltare qualche gambero pulito anche di filo intestinale, ovviamente, mentre altri li ho mantenuti crudi. Ho cotto la pasta, l’ho condita con la salsa, l’ho distribuita nei piatti, ho disposto sopra, nel centro, i gamberi e ho servito.

10 commenti:

  1. ciao .grazie per aver visitato il mio angolo creativo....il saluto e' arrivato a destinazione...ti faccio i complimenti, sai ho anche un angolo goloso e mi farebbe piacere sapere la tua oponione, un saluto e un buon lavoro....allla prossima

    RispondiElimina
  2. che originale questa ricetta! molto interessante e golosa!

    bello il tuo blog, l'ho appena scoperto per caso e ho già sbirciato altri post, molto interessanti!
    mi sono aggiunta ai tuoi followers :)
    passa anche da me se ti va!

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
  3. e che ti mangi!!! con questo piatto mi inviti a nozze...i sapori di mare mi stuzzicano sempre!
    e le acciughe...sotto sale o sott'olio (dipende dai piatti)...le adoro! per esempio con orecchiette e cime di rape....per me solo acciughe sotto sale!
    abbracci e buona serata

    RispondiElimina
  4. interessantissimo il tuo blog,mi sono unita cosi non perdo il contatto!spero ti faccia piacere e se vuoi passa da me ti aspetto, ciao! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. Grazie Donaflor. Giovanna, vengo subito a trovarti

    RispondiElimina
  6. Buongiorno Fabiano! era da un pò che non passavo qui, ma in compenso leggo sempre i tuoi articoli su "la cucina del corriere" che dire questa pasta è strepotosa e poi io adoro il contrasto di consistenze il crudo ed il cotto il fresco ed il caldo del gambero! Complimenti!

    RispondiElimina
  7. Allora bentornata Romy, e alla prossima ricetta...

    RispondiElimina
  8. Anche io preferisco cucinare le acciughe nel burro, con le cipolle rosse poi una vera meraviglia. Cotto/ crudo? E che ne parliamo a fare!! Pur avendo già pranzato, mangerei volentieri un piatto della tua pasta ora...slurp ;-)
    Alla prossima

    RispondiElimina
  9. Salve,piatto molto molto allettante decido di seguirti per non perdermi niente e prendere tutto! un saluto da Ketty Valenti di zagaraecedro.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Grazie Ketty, farò di tutto per non deluderti :)

    RispondiElimina