lunedì 7 ottobre 2013

Brasato di manzo al miso


Brasato al miso 10 ore di cottura

Questo piatto nasce da due considerazioni o, meglio, spunti. Il primo mi è stato suggerito da un black cod al miso ordinato in un ristorante giapponese che mi ha veramente emozionato. Il secondo spunto, una frase en passant che mi ha detto Gualtiero Marchesi per cui il brasato non deve presentarsi sfatto come uno stracotto, ma deve avere una propria forma compiuta; va da sé che poi debba essere tenero, al cucchiaio. Da qui questo brasato al miso che ho cotto senza lascarlo disfare, cucinato impiegando, come condimento, olio evo anziché il canonico burro.

Per 4
1 kg di cappello del prete (spalla) di manzo
1 cucchiaio di miso
1 cipolla ramata grossa
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva


Ho affettato la cipolla; ho tagliato il cappello del prete a fette spesse circa 2 centimetri. Ho sciolto in circa 6 dl d’acqua calda il miso. Ho unto una casseruola ovale con l’olio, ho formato uno strato di cipolla e ho disposto sopra le fette di carne. Ho versato il brodo di miso in modo da coprire la preparazione e, sul fornello, l’ho portato a ebollizione.
Ho chiuso ermeticamente la casseruola coprendola prima con un foglio di alluminio, poi con il coperchio. Ho infornato a 140 °C, ho portato la temperatura a 80 °C e ho lasciato cuocere per 3 ore. Ho alzato la temperatura a 100 °C e ho proseguito la cottura per 3 ore. Ho scoperchiato il recipiente per ridurre parte del brodo di cottura che nel frattempo aveva aumentato il proprio volume e ho lasciato cuocere a 120 g per 2 ore. Ho coperchiato nuovamente il recpiente e ho fatto cuocere a 140 °C per un’ora, quindi a 160 °C per un’altra ora: la carne era tenerissima. Ho fatto asciugare la preparazione sul fornello in modo da glassare la carne con il fondo di cottura diventato sciropposo. Ho servito le fettine completamente integre proponendo come unica posata il cucchiaio. Ho stappato Picàie Cecilia Beretta, Rosso Veronese di Appassimento anno 2000 forte dei suoi 15 gradi alcolici portati con leggerezza grazie anche alla temperatura di servizio che non superava i 18 °C. 

12 commenti:

  1. Un piatto per intenditori, molto curato, che mette appetito...sembra quasi di sentirne l'aroma.

    RispondiElimina
  2. Molto interessante, sembra succulento!

    RispondiElimina
  3. Sto cominciando ad apprezzare le carni a lunga cottura: il primo tentativo l'ho fatto con il Chili di carne per la competizione dell'MTChallenge di aprile; ultimamente ho proparato il Peposo dell'Impruneta che pure richiede oltre 3 ore di cuttura nel vino.
    Il tuo brasato mi stuzzica molto. Con sorpresa vedo che alzi gradualmente la temperatura del forno man mano che procede la cottura; io avrei pensato il contrario: dapprima temperatura piuttosto alta e poi abbassarla gradualmente verso la fine. A presto

    RispondiElimina
  4. La tua ricetta capita a fagiolo, ieri sono stata ad un corso di cucina naturale ed ho assaggiato il miso per la prima volta, quindi non posso che provarlo nella tua ricetta, per me molto appetitosa :-) Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea provarlo con questa ricetta...

      Elimina
  5. Se solo potessi assaggiarlo! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta ne farò un po' di più per te :)

      Elimina