giovedì 11 ottobre 2012

Laurea honoris causa a Gualtiero Marchesi


Laurea honoris causa a Gualtiero Marchesi

Oggi anziché postare una ricetta, vorrei riportare una frase di Marchesi che ritengo possa essere una linea guida per chi accetta la sua filosofia culinaria. Ieri è stato insignito della laurea honoris causa in Scienze Gastronomiche nell’Aula Magna dell’Università degli studi di Parma. Vorrei ricordare, del suo lungo e articolato intervento, una frase che per me rappresenta l’essenza del suo pensiero e della sua cucina. Ha spiegato come il suo obiettivo in cucina fosse la semplicità. Ha citato in merito un suo piatto composto da quattro pezzi di pasta corta, ciascuno di foggia diversa, conditi unicamente con pochissimo olio evo. Degustandolo si potevano cogliere le diverse consistenze, ma anche un sapore diverso dato dai differenti spessori di pasta. E in merito ha detto “La semplicità è  stata il punto di arrivo del  mio percorso. Occorre raggiungerla, per poi ripartire”. 

44 commenti:

  1. Una frase veramente significativa. Per la semplicità faccio sempre il tifo e si sa.. questa è ciò che racchiude le più alte emozioni. Complimenti di cuore a Gualtiero Marchesi: una laurea meritatissima per competenza e bravura, in tutto. Un abbraccio e una giornata speciale :)

    RispondiElimina
  2. Il Marchesi è un uomo intelligentissimo per non sapere che in una situazione come quella di ieri l'unica cosa politicamente corretta era dichiarasi semplice...ovvio, era una metafora però se a me capitava di andare nel suo ristorante e di ritrovarmi nel piatto un rigatone, un fusillo, una penna corta e un ditalone conditi con un frantastico olio e pagarlo non so quanto....mah...! Certe cose si fanno nei convegni, studiando nel proprio laboratorio...
    Non trovi...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono sicuro che quel piatto sia entrato nella carta del ristorante. L'ho degustato nella sua cucina più che in sala. Mi sembrava un esperimento più che altro.

      Elimina
    2. Infatti...non sarebbe da Marchesi propinare un esperimento per il piatto del menù ! Mi ricordo che qualche anno fa si parlava moltissimo di un cuoco svedese (se non sbaglio), di quelli giovani e molto promettenti, pluripremiato ecc..che come dessert serviva un bicchiere di latte crudo e lo chiamava "Nostalgia"...se non fossimo "in rete" sarebbe da dire delle cose poco carine...!!! Magari sai di chi parlo..?

      Elimina
  3. Io studio a Parma e questo momento me lo sono perso... me ne pentirò per sempre...

    RispondiElimina
  4. Grande Marchesi, complimenti. Anche io sono dell'idea che la semplicità sia fondamentale; è bello sperimentare ma se non si conosce la semplicità difficilmente si arriva lontano e lui l'ha saputo fare. Scusami se te lo chiedo, Fabiano, ma è possibile io ti abbia visto a Fuori menù? :) Baci e buona giornata :)

    RispondiElimina
  5. Insomma Gulatiero Marchesi è Gualtiero Marchesi, ed ha ragione!
    Ciao Ely

    RispondiElimina
  6. In una realtà come la nostra in cui si parla tanto forse troppo di cucina (da che pulpito visto che anche io lo faccio a modo mio) la frase del Maestro Marchesi deve essere presa come guida...La semplicità è alla base di tutto in cucina come nella vita.
    Buona Giornata! :)

    RispondiElimina
  7. Valentina, Romy, sono d'accordo con voi in merito alla semplicità...

    RispondiElimina
  8. eh si...inutile girarsi attorno...la semplicità premia sempre!!! e non solo in cucina!
    abbracci e buona giornata

    RispondiElimina
  9. Riconoscimento meritatissimo !

    RispondiElimina
  10. nulla è meglio della semplicità...in tutti i campi!

    RispondiElimina
  11. Beh lui è un maestro assolutamente e la semplicità, a mio avviso, è una delle cose migliori!

    RispondiElimina
  12. Donaflor, nonna papera, Babe, mi sembra che condividiamo un principio fondamentale

    RispondiElimina
  13. La semplicità è la cosa più bella che ci possa essere!!
    Complimenti!!

    RispondiElimina
  14. Onore al merito a Marchesi e alla sua "semplicità", carta vincente e chiave di tutte le serrature... da incorniciare la frase... Grazie per avercela segnalata! un abbraccio e buona serata:)

    RispondiElimina
  15. Ciao Fabiano.
    Un grande maestro... che ha fatto della semplicità un'arte.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  16. Anna, simona, Cucina Mon Amour, grazie per la visita :)

    RispondiElimina
  17. Un insegnamento da non dimenticare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte per meravigliare ce ne dimentichiamo

      Elimina
  18. ciao Fabiano! è proprio vero, la semplicità in cucina è anche il mio motto! buona serata!

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo motto Giovanna. Se mi lasci un link visito volentieri il tuo blog

      Elimina
  20. ...grazie per la condivisione...!

    RispondiElimina
  21. L'ho detto appena ieri, le cose semplici sono le migliori, e lo dicevo proprio a proposito di cibo e cucina.

    :)

    RispondiElimina
  22. Gualtiero Marchesi è un grande!
    Secondo me la semplicità vince sempre!
    Buon venerdì!
    Ciao

    RispondiElimina
  23. Ho una vecchia enciclopedia di Gualtiero Marchesi... datata, ma acquistata fascicolo per fascicolo, di quelle a schede. Prorpio ieri pomeriggio, a causa di permanenza forzata in casa, mi sono divertita a risfogliare le sue schede. Ne sono affezionata, pagina per pagina. E' stato uno dei miei guru... e sono felicissima che abbia ricevuto questo riconoscimento meritato!!!

    RispondiElimina
  24. Penso di conoscerla. Era stata editata dalla De Agostini. Tra gli autori dovrebbe esserci anche il mio nome

    RispondiElimina
  25. XD credo si evinca il motivo per il quale lo adoro... grande davvero... ciao Fabiano ^^

    RispondiElimina
  26. mi piace dei grandi maestri la capacità di far sentire chiunque capace di farcela. bellissima foto, gioiosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Valentina, hai ragione. Marchesi è l'unico maestro, in campo culinario, che conosca.

      Elimina
  27. parole sante, lui è bravissimo e la laurea l'ha proprio meritata, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina